Un Capolavoro per Milano. Il Rinascimento di Giusto di Ravensburg 06.02.2015 - 08.03.2015

Info
Esposizione


A CURA DI

P. Biscottini

Intorno alla metà del Quattrocento un'artista tedesco vicino a Giusto di Ravensburg realizza per i Visconti una straordinaria tavola che rappresenta la figura di Cristo tra i Santi Ambrogio e Agostino (Cristo che mostra la ferita del costato tra Sant’Ambrogio e Sant’Agostino). In un ambito artistico non scevro di reminescenze tardo gotiche e di influssi fiamminghi l’artista propone la dimensione internazionale del Rinascimento lombardo in un dipinto che trasporta il dramma sacro in un ambito stilisticamente aristocratico in cui il vertiginoso effetto creato dall’infuocata trama dei rossi ben si adatta alla devozione popolare. La tavola presentata al Museo Diocesano, attualmente di proprietà privata, proviene dal territorio della Diocesi di Milano. Alla metà del Settecento il dipinto si trovava nella piccola chiesa di Sant’Ambrogio a Brugherio. Le descrizioni degli antichi documenti sono molto precise, sebbene non permettano di stabilire con certezza se il dipinto fosse stato destinato sin dall’inizio per l’altare sui cui si trovava nel XVIII secolo. E’ tuttavia molto probabile, vista la presenza dei Santi Ambrogio e Agostino, una provenienza locale.